Area Privata



    mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
    mod_vvisit_counterToday13
    mod_vvisit_counterYesterday166
    mod_vvisit_counterThis week995
    mod_vvisit_counterLast week1235
    mod_vvisit_counterThis month2394
    mod_vvisit_counterLast month5578
    mod_vvisit_counterAll days243993

    Online (20 minutes ago): 6
    Your IP: 3.80.85.76
    ,
    Today: Dic 15, 2018

     

     

    LORENZO STECCHETTI... Un artista poco conosciuto...



    Olindo Guerrini nacque il 14 ottobre del 1845 a Forlì e morì nel 1916 a Bologna.

    Nel 1877, sotto il nome di Lorenzo Stecchetti, Guerrini pubblicò una raccolta di poesie intitolata "Postuma", fingendo che fossero appartenute ad un cugino morto a trent'anni per tisi. I versi fecero scandalo per il loro contenuto erotico e blasfemo, che non mancò nelle opere pubblicate successivamente.

    "Polemica" (1878),

    "Nuova polemica" (Nova polemica, 1878),

    "Rime", di Argia Sbolenfi (1897) pubblicate sotto pseudonimo (Argia Sbolenfi),

    "Giobbe" (1882), poema burlesco e parodistico scritto in collaborazione con C. Ricci e in polemica con Mario Rapisardi.

    Si dedicò altrsì ai dialetti, scrivendo versetti in dialetto veneto e romagnolo.

     

     

     

     

    Ecco alcune poesie tratte da "POSTUMA"

     

    "Poveri versi miei gettati al vento,
    Della mia gioventù memorie liete,
    Rime d'ira, di gioia e di lamento,
    Povere rime mie, che diverrete?

    Ahi fuggite, fuggite il mondo intento
    A flagellar chi non l'amò; premete
    L'inculto sì ma non bugiardo accento,
    Conscie dell'amor mio, rime discrete.

    E se la donna mia ritroverete
    Per cui le angoscie della morte io sento,
    Voi che il segreto del mio cor sapete,

    Voi testimoni del perir mio lento,
    Quanto, quanto l'amai voi le direte,
    Poveri versi miei gettati al vento. "

    __________________________________

    "Come il ricordo vago e mal distinto
    D'una speranza giovanil caduta,
    Come il ricordo d'un affetto estinto
    Nel mio vano sognar tu sei venuta.

    E m'hai messo nel sangue un novo istinto
    Che scalda il cor tediato e lo trasmuta;
    Sul mio cammin la speme hai risospinto,
    La tentatrice ch'io credei perduta.

    L'anima mia così lascia la stolta
    Piuma dove ingrassò ne' sonni tardi
    E attenta il suono de' tuoi passi ascolta.

    Lasciar per te potrebbe i suoi codardi
    Ozi ed amar la vita un'altra volta,
    Ma tu le passi accanto e non la guardi."

    __________________________________

    "No, non chiamarmi giovane
    Perchè i capelli miei son folti e biondi
    E le mie guancie floride
    Di molli carni e di color giocondi.

    Son come il frutto fradicio
    Dentro e che serba il suo color di fuora.
    Donna, ti sembro giovane
    E sono un morto che cammina ancora.

    Chiusa per sempre ho l'anima
    Alle dolci lusinghe ed ai conforti.
    Donna, non mi sorridere;
    Donna, non mi tentar; rispetta i morti."

    __________________________________

    " Quando nacque Gesù dal sen fecondo
    Della vergine ebrea, l'orrida vesta
    Scosse l'inverno e rinverdì giocondo
    E Betlemme adorò di Dio la gesta.

    Scese un inno d'amor dal ciel profondo,
    Iddio s'unì degli uomini alla festa;
    Osanna, ognun gridò, redento è il mondo,
    Ma l'asino ed il bue scosser la testa.

    L'asino disse: o spalle mie, saprete
    A suon di verghe se redente siete
    Quando a Gerusalemme il condurrete!

    Ed il bue: le mie costole sapranno
    Un giorno a Cana se redente l'hanno
    Quando in bistecche me le mangeranno!"

    __________________________________

    I FILOSOFI SALARIATI

    "Or non più tra le rabbie e le contese
    Povera e nuda va filosofia,
    Ma fa la ruota a scuola e per la via,
    Tira la paga e noi facciam le spese.

    Se regnano la forca e il crimenlese
    Di San Tomaso fa l'apologia,
    Se torna in alto la democrazia
    Inneggia alla repubblica francese.

    Ah, panciuta camorra di ruffiani
    Che della verità strame vi fate.
    Ogni giorno che splende ha il suo domani

    A rivederci, maschere pagate,
    A rivederci, illustri mangiapani,
    A rivederci sulle barricate!"
    __________________________________

    LAZZARO

    "I sozzi lini dal sepolcro scossi,
    Ancor mal desto Lazzaro piangea
    E il cupo Rabbi dai capelli rossi
    Dell'osanna volgar si compiacea.

    - In che peccai che sì punito io fossi?
    Il risorto discepolo dicea:
    - In che dunque peccai che tu m'addossi
    Tutte le colpe della gente ebrea?

    Mi dovevi salvar quand'io moria,
    Ed al sepolcro la mia carne hai tolta
    Or che nel suo dormir più non soffria.

    E tu, Rabbi che amai, perchè la stolta
    Turba in te riconosca il suo Messia,
    Mi condanni a morire un'altra volta!"
    __________________________________

    IRA

    "Cieco! e il balen d'un'ironia feroce
    Non ti vedea sul viso
    E ti chiedevo colle mani in croce
    La pietà d'un sorriso.

    Come un bambino a te davanti gli occhi
    Trepidando chinai,
    Come un can flagellato a' tuoi ginocchi,
    Vile, mi trascinai;

    China l'altera fronte, io t'ho baciato
    Il lembo delle vesti,
    Ho sofferto l'inferno, ho bestemmiato,
    Ho pianto... e tu ridesti.

    Mi levo adesso dal codardo oblio,
    Le mie catene spezzo,
    Mi vergogno di te, dell'amor mio:
    Mi levo e ti disprezzo.

    Or di', se il vuoi, che per te sola ho pianto,
    Vinto, curvato, umile!
    Io, te straziando nell'audace canto,
    Dirò quanto sei vile."

    _________________________________

    SCRITTO SOPRA UN SASSO

    "Voi che salite questo verde monte
    E il silenzio cercate
    Dov'è più folto il bosco e chiaro il fonte,
    Anime innamorate,

    Pietà di me! Sul margin della via
    Seggo soletto e gramo:
    Ahi grave, amanti, è la sventura mia!
    Pietà di me! Non amo."
    __________________________________

    NOZZE

    "No, non chinar pensosa
    Gli occhi e la fronte onesta;
    Ecco la stanza ascosa,
    L'ara d'amore è questa.

    Qui la ghirlanda posa,
    Scingi la bianca vesta,
    E sul guancial di sposa
    Piega, gentil, la testa.

    Apri all'amor le braccia
    E gli spaventi insani
    Del tuo pudor discaccia;

    No, colle bianche mani
    Non ti velar la faccia...
    Arrossirai domani. "

    __________________________________

    "Quando al fuggir della stagion nevosa
    Il verde april saluterai risorto,
    Nel tuo giovane cor più rigogliosa
    Palpiterà la vita. Io sarò morto.

    Amor trascorrerà di cosa in cosa
    Fino al fior della tomba ov'ei m'ha scorto:
    Dal cor mi crescerà per lui la rosa
    Come vivendo il verso mio v'è sorto.

    I canti del mio cor li hai colti, è vero,
    Ma i fiori, ohimè, non li raccoglierai!
    Chi li raccoglie i fiori in cimitero?

    Tu di novelli amor lieta, darai
    Domani ad altri il bacio ed il pensiero,
    E più di me non ti ricorderai."

    __________________________________

    "Quando lettrice mia, quando vedrai
    Impazzir per le strade il carnovale,
    Oh non scordarti, non scordarti mai
    Che ci son dei morenti all'ospedale!

    Quando bella e gentil, tu salirai
    Di liete danze alle sonanti sale,
    Volgiti indietro e la miseria udrai,
    La miseria che piange in sulle scale.

    Quando ti riderà negli occhi belli,
    Come un raggio di sol giocondo, amore,
    Pensa che amor non ride ai poverelli.

    Quando ti specchierai, ti dica il core,
    Che una perla rapita ai tuoi capelli,
    Solo una perla può salvar chi muore."
    __________________________________

    AD UNA GIOVINETTA CIECA

    "Oh, non dolerti, no, bella infelice,
    Se veder non t'è dato il nostro mondo;
    Così bello non è, così giocondo,
    Povera cieca, come il cor ti dice!

    Tu la bestialità fornicatrice
    Ghignar non vedi agli occhi nostri in fondo,
    A te il desio brutal, l'istinto immondo,
    La nostra infamia a te veder non lice.

    Scorda i fantasmi che la mente sogna,
    E il perduto veder di che ti duole:
    La beltà cui tu credi è una menzogna.

    Tra l'erba verde e le fiorite aiuole
    Trascina il rospo vil la sua vergogna:
    Beati gli occhi che son chiusi al sole!"

    __________________________________

    "La grigia nebbia di novembre ammanta
    Del paterno villaggio i casolari,
    Stridono i tizzi verdi in sugli alari,
    Geme il vento di fuori e il corvo canta.

    Oggi le donne pie disser la santa
    Prece dei morti a piè de' bruni altari,
    Ogni pietra, ogni croce oggi è compianta
    Dove dormon sepolti i nostri cari.

    Ma sono agli altri questi dì men gravi,
    Ma lieto il padre narra oggi al figliuolo
    Le antiche gioie e le virtù degli avi,

    Ma l'amor, la famiglia ad ogni duolo
    Recan oggi conforto e più soavi
    Sono i sorrisi, i baci... ed io son solo."
    __________________________________

    PREGHIERA DELLA SERA

    "Libera nos a malo.

    De' miei semplici padri antico Iddio,
    Se vana ombra non sei,
    Dio di mia madre in cui fanciullo, anch'io
    Innocente credei:

    Se pur tu scruti col pensiero augusto
    De' nostri cori il fondo,
    Se menzogna non è che tu sia giusto
    Con chi fu giusto al mondo,

    Guarda: dell'agonia patir gli orrori
    Ogni giorno mi tocca:
    Guarda l'anima mia di che dolori
    E di che fiel trabocca!

    Abbrevia tu, se puoi, le maledette
    Ore del mio soffrire,
    Avventami, mio Dio, le tue saette:
    Mio Dio, fammi morire!"
    __________________________________

    IN MORTE DI UN MOLTO REVERENDO STROZZINO

    "Curia romana non petit ovem sine lana;
    Dantes exaudit: non dantibus ostia claudit.
    Antico distico leonino.

    Intendi tu il lugubre
    Lamento de' bronzi
    Sì dolce agli ipocriti
    Sì bello pe' gonzi?
    Il tempio rigurgita
    De' colli più torti
    Che lieti borbottano
    La prece dei morti.

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    Imploran que' cantici
    La pace al banchiere
    Che pria d'esser nobile
    Barò al tavoliere.
    Non dice l'epigrafe
    Le infamie sepolte,
    Ma è noto che in Svizzera
    Scappò sette volte.

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    Rubando al postribolo,
    Rubando al convento,
    Prestando al suo prossimo
    Al cento per cento,
    Sul ricco e sul povero
    Stendendo la mano
    In barba al decalogo
    Morì da cristiano.

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    Ed ora chinandosi
    In umile aspetto
    I preti gorgogliano
    Battendosi il petto:
    Gesù, ricevetelo
    Nel coro de' santi;
    li eredi ci pagano
    A pronti contanti!

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    Pagare! all'intendere
    Quest'aurea parola
    Il core ci palpita
    Di sotto alla stola!
    A noi, ricchi e poveri,
    La borsa recate;
    Sta scritto ne' Canoni
    Pagate, pagate!

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    Di preci e di lagrime
    Il ciel non si appaga,
    Ma il sommo pontefice
    Assolve chi paga.
    È ver che gli apostoli
    Sprezzavano l'oro;
    È ver, ma tenevano
    La serva costoro?

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    De' cieli alla gloria
    Volete il diritto?
    Pagate, cattolici,
    Pagate l'affitto!
    È forza che l'anime
    Passando Acheronte
    Ammansin coll'obolo
    Chi fa da Caronte.

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace.

    Venite, la celebre
    La santa Bottega
    A prezzi di fabbrica
    Vi scioglie, vi lega.
    Fa spaccio di meriti,
    Cancella peccati...
    Venite! I solvibili
    Saranno beati!

    Requiescant in pace,
    Requiescant in pace. "

    __________________________________

    "Magre virtù che vi scandolezzate
    Se una donnina mostra un po' le spalle,
    Verginità feroci e stagionate
    Dai denti lunghi e dalle labbra gialle,

    Chiudete la finestra e non guardate
    In questa nostra lacrymarum valle,
    Tornan col maggio alle nequizie usate
    I fior, gl'innamorati e le farfalle.

    Chiudete gli occhi! Tornano ai capelli
    Delle fanciulle i fior, tornano al prato
    Fino l'agne di Cristo a far gli agnelli.

    Chiudete il libro mio scomunicato
    Che vi potrebbe dir come son belli
    Maggio, le peccatrici ed il peccato."

    __________________________________

    Kennst du das Land...?
    GOETHE.


    "Conosci tu il paese
    Dove non s'è mortali,
    Dove alla fin del mese
    Non scadon le cambiali?

    Quell'Eden ben pasciuto
    Pieno di facce grasse
    Che non han mai veduto
    L'agente delle tasse?

    Conosci tu il paese
    Che non conosce i preti,
    Le bettole, le chiese,
    Le ciarle dei poeti?

    Dove non c'è soldati,
    Dove non c'è catene,
    Dove gl'innamorati
    Si voglion sempre bene?

    Ivi nessun ha detto
    Che donna dice danno,
    Perchè lassù l'affetto
    Esse scontar non sanno.

    Oh, chi trovar sapesse
    Un'anima cortese
    Qualunque, che potesse
    Mandarti a quel paese!"

    __________________________________

    IL CANTO DELL'ODIO

    "Quando tu dormirai dimenticata
    Sotto la terra grassa
    E la croce di Dio sarà piantata
    Ritta sulla tua cassa,

    Quando ti coleran marcie le gote
    Entro i denti malfermi
    E nelle occhiaie tue fetenti e vuote
    Brulicheranno i vermi,

    Per te quel sonno che per altri è pace
    Sarà strazio novello
    E un rimorso verrà freddo, tenace,
    A morderti il cervello.

    Un rimorso acutissimo ed atroce
    Verrà nella tua fossa
    A dispetto di Dio, della sua croce,
    A rosicchiarti l'ossa.

    Io sarò quel rimorso. Io te cercando
    Entro la notte cupa,
    Lamia che fugge il dì, verrò latrando
    Come latra una lupa;

    Io con quest'ugne scaverò la terra
    Per te fatta letame
    E il turpe legno schioderò che serra
    La tua carogna infame.

    Oh, come nel tuo core ancor vermiglio
    Sazierò l'odio antico,
    Oh, con che gioia affonderò l'artiglio
    Nel tuo ventre impudico!

    Sul tuo putrido ventre accoccolato
    Io poserò in eterno,
    Spettro della vendetta e del peccato,
    Spavento dell'inferno:

    Ed all'orecchio tuo che fu sì bello
    Sussurrerò implacato
    Detti che bruceranno il tuo cervello
    Come un ferro infocato.

    Quando tu mi dirai: perchè mi mordi
    E di velen m'imbevi?
    Io ti risponderò: non ti ricordi
    Che bei capelli avevi?

    Non ti ricordi dei capelli biondi
    Che ti coprian le spalle
    E degli occhi nerissimi, profondi,
    Pieni di fiamme gialle?

    E delle audacie del tuo busto e della
    Opulenza dell'anca?
    Non ti ricordi più com'eri bella,
    Provocatrice e bianca?

    Ma non sei dunque tu che nudo il petto
    Agli occhi altrui porgesti
    E, spumante Licisca, entro al tuo letto
    Passar la via facesti?

    Ma non sei tu che agli ebbri ed ai soldati
    Spalancasti le braccia,
    Che discendesti a baci innominati
    E a me ridesti in faccia?

    Ed io t'amavo, ed io ti son caduto
    Pregando innanzi e, vedi,
    Quando tu mi guardavi, avrei voluto
    Morir sotto a' tuoi piedi.

    Perchè negare - a me che pur t'amavo -
    Uno sguardo gentile,
    Quando per te mi sarei fatto schiavo,
    Mi sarei fatto vile?

    Perchè m'hai detto no quando carponi
    Misericordia chiesi,
    E sulla strada intanto i tuoi lenoni
    Aspettavan gl'Inglesi?

    Hai riso? Senti! Dal sepolcro cavo
    Questa tua rea carogna,
    Nuda la carne tua che tanto amavo
    L'inchiodo sulla gogna,

    E son la gogna i versi ov'io ti danno
    Al vituperio eterno,
    A pene che rimpianger ti faranno
    Le pene dell'inferno.

    Qui rimorir ti faccio, o maledetta,
    Piano a colpi di spillo,
    E la vergogna tua, la mia vendetta
    Tra gli occhi ti sigillo. "
    __________________________________

    "Quando scroscia la piova e fischia il vento
    E nella notte latra la tempesta,
    Se dal freddo origlier levo la testa
    Chiamarmi da lontano un urlo sento;

    E sui cubiti allor pien di spavento
    Mi levo, ascolto e il respirar s'arresta...
    Ahi, la conosco, la conosco questa
    Implacabile voce di lamento.

    Eppur nella città dorme ogni cosa,
    Eppur l'eterno oblio l'ossa conforta
    Sotto le pietre bianche alla Certosa.

    Sola tu, sola tu, dietro la porta
    Del monumento tuo vegli gelosa
    E mi chiami e mi vuoi, povera morta."

    NOTA! Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. Per informazioni, si veda l’informativa cookie, cliccando sulla dicitura "PRIVACY POLICY" To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

    I accept cookies from this site.

    EU Cookie Directive Module Information