Area Privata



    mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
    mod_vvisit_counterToday13
    mod_vvisit_counterYesterday166
    mod_vvisit_counterThis week995
    mod_vvisit_counterLast week1235
    mod_vvisit_counterThis month2394
    mod_vvisit_counterLast month5578
    mod_vvisit_counterAll days243993

    Online (20 minutes ago): 6
    Your IP: 3.80.85.76
    ,
    Today: Dic 15, 2018

     

    Bartolomeo Vanzetti e Nicola Sacco



    BARTOLOMEO VANZETTI nacque nel 1888 a Villafalleto, nel Cuneese. Figlio di un agricoltore fu solo a vent'anni che mosse i primi passi verso le idee socialiste e, dopo la morte della madre, decise di trasferirsi in America alla ricerca di un paese libero e capace di offrire una vita migliore… Un sogno, che per molti italiani del primo Novecento, si rivelò essere una pura illusione.
    Si stabilì nel Massachusets, dove venne in contatto con i gruppi anarchici della zona e, nel 1917, come anarchico ed obbiettore di coscienza, per sfuggire all'arruolamento si trasferì in Messico. E' qui che conobbe NICOLA SACCO, nato in Puglia nel 1897, col quale, ritornato successivamente in America, continuò a frequentare i circoli anarchici.

     

     

    Il 5 maggio del 1920 Sacco e Vanzetti furono arrestati perché trovati in possesso di volantini anarchici e di alcune armi. Tre giorni dopo vennero accusati di una rapina avvenuta tre settimane prima del loro arresto a South Baintree, un sobborgo di Boston, in cui rimasero uccisi due uomini.

    Dopo tre processi, nei quali emersero prove solide della loro innocenza, come la testimonianza di un uomo che aveva preso parte alla rapina e che sosteneva di non aver mai visto i due imputati, furono condannati a morte.

    La sentenza venne eseguita mediante sedia elettrica a Charleston, il 23 agosto 1927.

    Come lo stesso Vanzetti aveva capito, la loro condanna era ormai diventata una mossa politica. Il simbolo che essi erano diventati doveva essere annientato ed usato per dare una dimostrazione di forza nei confronti dei movimenti di sinistra che operavano nei primi anni del Novecento in America.

    Nel 1977 i due malcapitati furono riabilitati e gli USA chiesero scusa al mondo intero.

     

     

    NOTA! Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. Per informazioni, si veda l’informativa cookie, cliccando sulla dicitura "PRIVACY POLICY" To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

    I accept cookies from this site.

    EU Cookie Directive Module Information