Area Privata



    mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
    mod_vvisit_counterToday16
    mod_vvisit_counterYesterday163
    mod_vvisit_counterThis week1115
    mod_vvisit_counterLast week1475
    mod_vvisit_counterThis month4475
    mod_vvisit_counterLast month5792
    mod_vvisit_counterAll days306010

    Online (20 minutes ago): 2
    Your IP: 3.92.92.168
    ,
    Today: Nov 23, 2019

    HOME POLONIA

     

    Torre della Cultura e della Scienza

     

    Visiatndo la città vecchia di Varsavia, capitale della Polonia, postreste ppensare che la città, negli ultimi 200 anni, abbia goduto di una tranquilla esistenza. Alla fine della seconda guerra mondiale, invece, quasi l'intera area metropolitana era un ammasso di macerie... Il fatto che gli abitanti si siano risollevati ed abbiano ricostruito quasi tutto è di per sè un motivo sufficiente per far visita alla capitale polacca.

    Oggi questa è una città fiorente, dinamica e moderna, mentre i musei cittadini sono spesso una testimoninza del suo tragico passato.

    Una delle maggiori attrattive è costituita, comunque, dalla Città Vecchia (Stare Miasto), che corrisponde all'incirca alla "Vecchia Varsavia", il primo nucleo urbano della città risalente al XIII secolo. Seriamente danneggiato dagli eventi bellici, questo quartiere venne ricostruito con precisione negli anni cinquanta e sessanta, basandosi in gran parte sulle famose vedute attribuite al Canaletto (e in realtà dipinte da Bernardo Bellotto). Il cuore della città vecchia è costituito dalla Piazza del Mercato (Rynek Starego Miasta), attorno a cui si dipana un reticolo di vicoli e stradine molto suggestivi, tra cui la bella via Piwna (ulica Piwna), su cui si affacciano numerosi palazzi in stile neoclassico e barocco.

    Il Barbacane, edificato nel 1548, introduce alla Città Nuova (Nowe Miasto) situata a settentrione, fuori delle antiche mura medievali e risalente al XV secolo. Il centro di questo quartiere è costituito dalla "Piazza del Mercato della Città Nuova" (Rynek Nowego Miasta).

    Tra i luoghi di maggiore interesse artistico dobbiamo citare il grande "parco di Łazienki", costruito nel XVIII secolo per volere del re Stanislao Augusto Poniatowski, in cui si trovano splendidi edifici neoclassici, come il "Palazzo sull'acqua" (Pałac na Wodzie) e un teatro costruito su un isolotto nel laghetto artificiale al centro del parco.

     

    Il Palazzo sull'acqua

     

    LA VODKA

    La vodka è un distillato di cereali (ma anche ottenuto da fecola e polpa di patata) ottenuto da almeno 3 distillazioni e filtrato su materiali diversi (carboni, polveri di diamante, farine fossili, ecc.). Dalla prima distillazione si ottiene la brantowka (vodka bruciata, 15°), dalla seconda la prostka (vodka rustica, 30°) e dalla terza l'okovita (acquavite, 70°).
    Tralasciando le sostanze responsabili dei sapori tipici di questa bevanda, la vodka è composta principalmente da acqua e alcool (etanolo) presente tra il 37,5 e il 60 percento in volume.
    Trae quindi le sue origini nell'Est Europa, dove si contendono la paternità del nome la Polonia e la Russia. La parola "vodka" è, in varie lingue slave, diminutivo dei termini corrispondenti all'italiano "acqua", ad esempio in russo "вода" [voda], o in polacco "woda", in analogia con l'italiano "acquavite" che, similmente, designa una bevanda che ha l'aspetto limpido e trasparente dell'acqua. Essa è apparsa scritta, per la prima volta, in Polonia nel 1405 in un registro di Sandomierz Court. Nel 1520, nella sola Danzica in Polonia operavano già una sessantina di distillerie ufficiali, senza contare quelle clandestine.

    Sembra comunque che la Vodka polacca sia di qualità migliore di quella russa e che vada bevuta tutta d'un fiato!!

     

    Il Barbacane

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    HOME POLONIA

    NOTA! Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. Per informazioni, si veda l’informativa cookie, cliccando sulla dicitura "PRIVACY POLICY" To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

    I accept cookies from this site.

    EU Cookie Directive Module Information