Area Privata



    mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
    mod_vvisit_counterToday12
    mod_vvisit_counterYesterday166
    mod_vvisit_counterThis week994
    mod_vvisit_counterLast week1235
    mod_vvisit_counterThis month2393
    mod_vvisit_counterLast month5578
    mod_vvisit_counterAll days243992

    Online (20 minutes ago): 5
    Your IP: 3.80.85.76
    ,
    Today: Dic 15, 2018

     

     

    Moncenisio (in piemontese Monsnis)

    Informazioni:

    Il Colle del Moncenisio è un passo delle Alpi che unisce la Val di Susa, in provincia di Torino, con la regione della Maurienne, compresa nel dipartimento francese della Savoia.
    Da prima Italiano, dopo le rettifiche al confine ottenute dalla Francia a titolo punitivo dopo la II guerra mondiale, il territorio divenne francese.

    Il colle separa le Alpi Cozie dalle Alpi Graie.

    Sul colle è stata costruita una grande diga per la produzione di energia elettrica, divisa tra Italia e Francia.

    Luogo molto interessante anche dal punto di vista turistico grazie alla possibilità di effettuare numerose escursioni nella bella stagione.

    Il punto più alto della strada che attraversa il colle è situato a 2100 metri.

     

    Il Passo del Moncenisio - La diga

    LA FERROVIA DEL MONCENISIO

    La ferrovia del Moncenisio fu costruita per rendere più rapide le comunicazioni tra Italia e Francia tramite il valico sul Moncenisio, dopo aver constatato l'aumento sempre più intenso del traffico sul valico. Si pensò alla sua realizzazione mentre era già in atto e procedeva a rilento la realizzazione del Tratto Ferroviario del Frejus
    La costruzione della linea fu portata a termine in soli due anni ed entrò in esercizio il 15 giugno 1868, funzionando con alterne vicende fino al primo novembre 1871. Per contenere i costi di costruzione si preferì non realizzar viadotti e gallerie, ma questo rese il percorso particolarmente ripido e tortuoso.

    La diga

     

    Il superamento delle difficoltà del percorso si ottenne con l'adozione di locomotive a sistema Fell ad aderenza artificiale. Questo accorgimento permise di superare un dislivello di 158 metri sul versante italiano, da Susa al colle, e 1360 metri sul versante francese, da Saint-Michel-de-Merienne, con una pendenza che arrivava a toccare l'8,3 per cento. Per compiere l’intero percorso il trenino, che viaggiava anche durante l’inverno, sfidando neve e gelo, arrivava ad impiegare anche 5 ore.

    Quando venne completato il Traforo Ferroviario del Frejus, la ferrovia venne definitivamente chiusa e smantellata, senza che durante tutto il periodo di utilizzo si fossero verificati incidenti di entità rilevante.
    Oggi, a più di 130 anni dallo smantellamento della ferrovia, è possibile vederne i resti delle strutture murarie, gallerie e terrapieni. Con un attento sopralluogo, è facile individuarne il percorso lungo dell'attuale SS 25 del Moncenisio.
    Proprio in questi ultimi anni, sono stati afflissi lungo tutto il percorso diversi cartelli commemorativi ed esplicativi l'opera.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Ritorna su

    NOTA! Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. Per informazioni, si veda l’informativa cookie, cliccando sulla dicitura "PRIVACY POLICY" To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

    I accept cookies from this site.

    EU Cookie Directive Module Information